Dalla ricerca in natura nuove ipotesi di terapia

Antibiotici dal Varano di Komodo

Nel Drago di Komodo potrebbe nascondersi un’arma per sconfiggere la resistenza agli antibiotici. Nel sangue del varano sarebbero stati individuati infatti più di quaranta peptidi con una marcata attività antimicrobica. Tale ricerca potrebbe portare allo sviluppo di una nuova classe di super antibiotici.

Diabete, un cerotto intelligente per il monitoraggio

Diabete, cerotto analizza sudore e misura glicemia

Allo studio un cerotto in grado di monitorare i livelli glicemici attraverso il sudore evitando la necessità di prelievi di sangue.

Vaccini e autismo

Intervista a Roberto Burioni

Il parere autorevole di Roberto Burioni, Professore Ordinario Microbiologia e Virologia, Facoltà di Medicina e Chirurgia Università Vita-Salute San Raffaele, Milano.

Ecco perché non c’è correlazione fra autismo e vaccinazioni. Finalmente un parere autorevole.

Vendita Farmaci illegali

link all’articolo originale

Sequestrati oltre 10mila prodotti pericolosi per la salute: bustine e pillole con i principi attivi del viagra.

Una operazione della Guardia di Finanza ha smantellato un traffico illecito di medicinali. Sono stati sequestrati farmaci non autorizzati provenienti soprattuto da India e Cina.

 

EMA a Milano

Fonte PharmaKronos

Gentiloni, lavoriamo per portare Ema a Milano

Il premier, città ha carte in regola

Quella di portare a Milano l’Ema, l’agenzia europea del Farmaco, “non sarà una partita semplice, come tutte le partite competitive tra grandi sistemi e grandi metropoli, ma penso che Milano abbia le carte in regola. Certamente il sistema Paese farà squadra e il governo lavorerà pancia a terra per consentire questo un risultato che sarebbe un ulteriore passo avanti nella direzione di una città affidabile, accogliente e attraente”. Lo ha detto il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni durante una conferenza stampa organizzata a Palazzo Marino insieme al sindaco di Milano Giuseppe Sala, dopo un incontro con la giunta comunale milanese.

Alla fondazione Feltrinelli, ha aggiunto Gentiloni, “parleremo di Human Technopole e della sfida di Ema che partirà nella sua fase conclusiva, dopo che, immagino alla metà di marzo, il governo britannico avrà attivato la procedura prevista dall’articolo 50 dei Trattati dell’Unione”.

Da quel momento, ha avvertito, “noi dovremo andare con il dossier Milano a promuovere la città tra gli enti preposti a prendere una decisione, dovremo delineare una short list e alla fine consentire ai capi di Stato di governo dell’Unione, probabilmente nel Consiglio di giugno, di prendere una decisione”.

Italia Cenerentola europe per spesa, -32,5% rispetto altri Paesi

Autore: Raffaella Ammirati – Fonte: Adnkronos salute

Italia Cenerentola europea per la spesa sanitaria, con numeri sempre più bassi rispetto all’Europa occidentale e una crescita decisamente inferiore per quanto riguarda i soldi pubblici. Più ‘in linea’, invece, la spesa privata il cui trend si conferma in crescita. Insomma: il servizio sanitario spende sempre di meno e i cittadini sempre di più per curarsi. In particolare la spesa risulta complessivamente minore del 32,5% rispetto a quella dei Paesi dell’area occidentale del Vecchio continente. In rapporto al Pil, inoltre, ci attestiamo al 9,4%, contro il 10,4% (sempre in Europa occidentale), indicano i dati del Rapporto Sanità e cura di Crea Sanità (università Tor Vergata di Roma), presentato nella capitale. Negli ultimi 10 anni la spesa sanitaria pubblica italiana è cresciuta dell’1% medio annuo contro il 3,8% degli altri Paesi dell’Europa Occidentale: un quarto (peraltro come il Pil). Questo porta la spesa sanitaria pubblica italiana ad essere inferiore del 36% a quella degli altri Paesi considerati. La crescita della spesa privata (2,1% medio annuo) è stata invece solo leggermente inferiore a quella europea (2,3%), ma pari a oltre il doppio rispetto a quella pubblica.

In sintesi: gli italiani ricorrono più spesso alle loro risorse. A livello regionale le differenze di spesa sono allarmanti, anche standardizzando il dato per le diverse demografie e per la mobilità dei pazienti: nel 2015, fra la Regione in cui si spende di più (Provincia Autonoma di Bolzano) e quella dove si spende meno (Calabria), il divario pro-capite ha superato il 50% (quasi il 40% per quanto concerne la spesa pubblica).

L’incidenza della spesa privata pro-capite su quella totale è pari al 30,5% in Valle d’Aosta e del 16,0% in Sardegna. Le differenze di spesa sono andate progressivamente riducendosi fino al 2009, ma hanno poi ricominciato ad allargarsi nel periodo successivo, in corrispondenza dell’azione dei Piani di rientro e dei commissariamenti, tesi al risanamento dei deficit. E le famiglie italiane? Poco più dell’1% dei nuclei familiari, soprattutto a Sud, si è impoverito per gli esborsi sanitari sostenuti direttamente.

E sono 781.108 le famiglie soggette a spese sanitarie catastrofiche (3,1% delle residenti). La spesa sanitaria privata ha raggiunto 36 miliardi nel 2014, di cui l’89,9% out of pocket, e solo il 10% intermediato dai fondi sanitari integrativi e complementari, nonché dalle compagnie di assicurazione.

Quest’ultima voce, pur in crescita, rimane marginale. La spesa privata sanitaria rappresenta mediamente il 26,9% della spesa nel Centro-Nord (valore massimo del 30,5% in Valle d’Aosta, seguita dal Veneto con il 29,5%) e solamente il 18,9% nel Sud (valore minimo del 16% in Sardegna).

 

PREVENZIONE SPINA BIFIDA

Ottobre è il Mese nazionale della spina Bifida. La Spina bifida è una grave malformazione congenita  che insorge durante i primi mesi di gravidanza, comportando per il nascituro disabilità motorie e funzionali  a carico dei diversi organi e apparati. Guarire da questa patologia non è possibile, ma si può prevenire efficacemente, riducendo il rischio dell’insorgenza del 70% con l’assunzione di Acido Folico da parte delle donne in età fertile, particolarmente in prossimità e durante la gravidanza. L’Associazione Spina Bifida Italia (ASBI) opera per informare sull’importanza della prevenzione e fornisce assistenza alle persone affette da questa patologia e alle loro famiglie. In occasione del Mese nazionale della prevenzione organizza iniziative sul territorio volte a sensibilizzare la popolazione. Maggiori informazioni sul sito www.spinabifidaitalia.it